Emergenza abitativa

Ultima modifica 26 novembre 2020

L' emergenza abitativa è stata individuata e definita a livello regionale dal Decreto del Presidente della Giunta Regionale 4 ottobre 2011 n. 12/R. "Regolamento delle procedure di assegnazione degli alloggi di edilizia sociale, in attuazione dell'articolo 2, comma 5, della legge regionale 17 febbraio 2010, n. 3 (Norme in materia di edilizia sociale)".

Sono considerate situazioni di emergenza abitativa quelle dei nuclei che:

  • sono assoggettati a procedure esecutive di sfratto o a decreto di trasferimento conseguente a procedura esecutiva immobiliare o a rilascio dell'abitazione coniugale a seguito di sentenza di assegnazione all'altro coniuge
  • devono forzatamente rilasciare l'alloggio in cui abitano a seguito di ordinanza di sgombero o in conseguenza di eventi calamitosi che lo rendano inutilizzabile
  • abitano un alloggio dichiarato, dalla competente azienda sanitaria locale, non idoneo all'abitazione, in relazione alle condizioni di salute di uno o più degli occupanti
  • si trovano nella condizione di profughi o rifugiati
  • risultano ospiti da almeno tre mesi di dormitori pubblici o di altra struttura alloggiativa procurata a titolo temporaneo dagli organi preposti all'assistenza pubblica
  • sono titolari di assegnazione provvisoria.
     

La situazione di emergenza abitativa deve persistere fino al momento dell'assegnazione.

 

Per informazioni: Ufficio Casa